Mockup Capsula Vostok

Il Team di ADAA dopo la realizzazione del Modulo di Comando, lavora alla costruzione di una replica fedele della capsula Vostok che portò i primi Cosmonauti nello Spazio. Di seguito alcune immagini dei lavori iniziati alcuni anni fa quando Luigi Pizzimenti, Antonio Paganoni e Dario Kubler hanno stipulato un accordo per costruirla. Dopo la nascita della nostra associazione nel 2016, si è deciso di coinvolgere il team costruzioni di ADAA. Tutto il materiale in metallo è stato costruito con maestria dal Socio Roberto Bellucco.

Dopo una fase iniziale di progettazione da parte di Pizzimenti, (esperto di capsule spaziali e riproduzioni in grande scala, già progettista del mockup: Modulo di Comando Apollo), abbiamo iniziato a costruire un telaio in legno massello (presso il laboratorio di Paganoni) intorno al quale, con un paziente e laborioso lavoro di incollaggio e rettifica sono stati aggiunti sottili listelli di abete tagliati con la corretta curvatura.

img_2941img_2940

 

 

 

 

 

La costruzione della strumentazione interna è iniziata dai pannelli più complessi. All’interno della capsula ci sono due pannelli principali conosciuti come il sistema di indicazione e segnalazione-1-3KA (СИС-1-3КА designazione interna per le Vostok con uomini a bordo). Il pannello nero sul lato sinistro della cabina è conosciuto come il Pannello di controllo (ПУ). La costruzione delle parti metalliche ha visto il trasferimento della capsula presso il laboratorio del Socio Roberto Bellucco e successivamente presso il laboratorio del Socio Adriano Bottelli, dove attualmente si trova per essere ultimata.

Il cosmonauta aveva il controllo sulle comunicazioni vocali, dell’orientamento manuale e il dispositivo ottico associato “Vzor”, un display con il Globo terrestre, i retrorazzi di emergenza, il sistema di espulsione, l’illuminazione della cabina, la ventola per la circolazione dell’aria, e l’ossigeno d’emergenza. La maggior parte di questi controlli erano sul pannello di controllo sul lato sinistro della cabina.

I controlli manuali sul lato destro: C’è una radio a onde corte in cabina una 3B-17 * ricevitore radio costruito dal Radio Institute di Mosca. Appena sopra la radio c’è un grande interruttore era per armare la catapulta del seggiolino eiettabile alias la “poltrona” (КП-В-ЗА).

freddo-015 visore   img_5595

 

 

 

 

img_5601img_5600

Di seguito la prima prova di assemblaggio del primo anello metallico. La ricerca maniacale del particolare ci ha fatto penare molto. L’anello deve essere montato esattamente al filo interno del portello per permettere di chiudere la capsula, ma legno e metallo non hanno caratteristiche di compatibilità…

img_5604

Luigi Pizzimenti e Adriano Bottelli testano per la prima volta uno degli anelli principali.

img_5603

 

 

 

 

 

 

 

Oltre alla capsula, lavoriamo alla costruzione del sedile eiettabile e la tuta di Yuri Gagarin.

img_8853      img_2542     img_8608

Il lavoro di ricostruzione storica passa attraverso alcuni pezzi originali dell’epoca. Direttamente dalla Russia il paracadute dello stesso tipo utilizzato dai primi cosmonauti.

a c i

 

 

 

 

 

Montati i due anelli principali, la capsula Vostok prende forma…

img_5794      img_5798

Cura dei dettagli…

img_5826     img_5823

Abbiamo iniziato la costruzione degli interni. La struttura laterale destra è quella più evidente perché contiene i principali strumenti. Mentre il pannello principale è montato al centro di fronte al cosmonauta e quello secondario sulla sinistra del sedile eiettabile. La movimentazione della capsula completa è ormai possibile solo attraverso un muletto.

img_5961 img_5999

 

 

 

 

 

Oltre a lavorare sugli interni si è proceduto con la preparazione degli esterni. La sfera sarà in seguito ricoperta da fibra di vetro per ricostruire la copertura consumata dopo il rientro nell’atmosfera terrestre. Altri disegni, strumenti e dettagli. Il progetto entra nel vivo della sua realizzazione. Ogni membro del Team studia le soluzioni migliori per replicare fedelmente i vari componenti. Adriano lavora con maestria il materiale plastico, producendo strumenti identici agli originali. Le parti metalliche sono sempre scolpite nell’alluminio pieno.

img_6178 img_6187 img_6196 img_6203 img_6204 img_6207 img_6208 img_6209

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lavoro prosegue, compatibilmente con le disponibilità di tempo dei Soci ADAA e dei volontari. Non sappiamo ancora indicare una data per la sua presentazione e quale sarà la location, ma vi assicuriamo che vi emozionerà per la qualità dei dettagli e la passione che tutti i volontari hanno profuso!

 

ADAA realizza su commissione accurati Mockup Spaziali in ogni scala.  

Per informazioni scrivere a: info@adaa..it

 

I commenti sono chiusi