Walter Cugno ExoMars 2020

L’Ing. Walter Cugno, dirigente di Thales Alenia Space a Torino, già responsabile di “Exomars” il 28 settembre 2016, sarà ospite di ADAA presso il Padiglione Spaziale del Museo del Volo e terrà una conferenza sulla stato del progetto.

L’Ing. Walter Cugno è il responsabile dello stabilimento torinese di Thales Alenia Space, l’azienda aerospaziale italo-francese che lavora per le principali missioni spaziali internazionali, e per di più ha seguito fino allo scorso dicembre tutte le evoluzioni di Exomars, il programma dell’Agenzia spaziale europea che mira a raggiungere il suolo del Pianeta Marte.

 

Ing. Walter Cugno        Credit:Thales Alenia Space

Locandina dell’evento

Scarica il biglietto / invito per la conferenza valido per due persone

Dichiarazioni dell’Ing. Cugno

 

Cugno: “Come Thales Alenia Space abbiamo la responsabilità di entrambe le missioni in programma. Per la prima, qui in corso Marche a Torino, abbiamo sviluppato il lander (il veicolo d’atterraggio, ndr), mentre nella seconda siamo ancora più coinvolti e ci occuperemo di alcune parti fondamentali del rover (il mezzo che si sposterà sulla superficie marziale, ndr). Tutto questo ci consente di creare elementi di tecnologia estremamente avanzata”.

Cugno: “Queste prime missioni riguardano robot che acquisiscono la conoscenza dell’ambiente. Stiamo lavorando a una stazione cislunare, cioè attorno alla luna, che servirà da avamposto per partire gradualmente verso Marte. Dopodiché bisognerà portare sul Pianeta Rosso tutti i sistemi di supporto, dai satelliti alle stazioni abitabili. Grazie alle collaborazioni tra istituzioni internazionali, l’uomo vi metterà piede solo dopo il 2030, anche se ci sono imprese private che stanno puntando ad arrivarci prima di quella data”.

Giovanni Mongini “Universo in celluloide”

Giovanni Mongini il 17 settembre 2016 alle ore 18.00 presso la sala conferenze del Museo del Volo presenta il libro:

“Universo in celluloide”
Stelle e pianeti tra scienza e fantasia

giovanni-mongini-l-universo-in-celluloide-tra-scienza-e-fantasia

Prefazione di: Luigi Pizzimenti

Un mare immenso. Scuro e luminoso, silenzioso e colmo della musica delle sfere. Un piccolo grumo di materia pensante che, su un ciottolo perso in quell’infinito, osserva le luci nel cielo che chiamiamo stelle e s’interroga sui pianeti e trema di fronte alla vastità del Tutto e dei misteri che contiene. Nane bianche e buchi neri, piogge di metano liquido, fiamme più calde dell’inferno, colori che l’occhio non può vedere e distanze che la mente non può concepire.
A volte questo grumo di materia chiamato Uomo sogna le stelle, a volte cerca di capire come raggiungerle… e a volte, più semplicemente, racconta favole su di loro.

Parlando di questo libro viaggerete verso i pianeti del sistema solare, tutto condito con il mondo della fantasia attraverso le infinite immagini offerte dal cinema. Buona avventura sognatori di Stelle…

Alcune immagini della presentazione:

 14372066_954690437990006_6871784039670870321_o

  14390955_1660941567552594_505874808785285437_n

 

Giovanni Mongini: “E’ stato un amore tenuto fermo per anni perché, per anni, avrei voluto raccontare e spiegare le mie tre passioni: l’astronomia che mi ha portato alla fantascienza e i lanci spaziali che stanno spingendo l’umanità verso il cielo. Sono tre elementi che si compensano tra loro: la fantascienza ti fa sognare nuovi, strani mondi, l’astronautica s’impegna a raggiungerli e l’astronomia li pone lassù, nel cielo con le sue meraviglie e le sue minacce. Io ho parlato di pianeti, satelliti, stelle, comete, asteroidi, eccetera nella realtà e nella fantasia con i film ambientati in quei mondi. Amo quel saggio: nel bene e nel male sono io”.

mongini-al-musef-2
Giovanni Mangimi e Luigi Pizzimenti con il campione lunare presentato a Gaiba.